Iginio Ugo Tarchetti e la  Scapigliatura

                     sito letterario di Francesca Santucci

 

.:Menu:.
   

 

 

 

.:Menu:.

 

 

 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.:Credits:.

 

 

.:

 

Ugo e San Salvatore Monferrato

 

foto di Giorgio Ratti

 

Ho parlato del mio paese natale.
Mi duole che queste pagine non sieno destinate a venire alla luce, per poter rendere pubblico un odio che conservo da lunghi anni nel cuore, l'unico che il tempo e la riflessione non abbiano fatto che avvalorare ed accrescere.
Io amo la terra, questa gran madre, questa gran patria comune; io l'amo tutta senza distinzione di suoli e di climi; l'amo come una parte di me, io che non sono che una porzione minima di lei stessa.
Io ho sentito spesso le sue attrazioni, l'appello che ella fa a' suoi atomi, le sue creature; agli uomini, le sue particelle animate. A primavera, quando il sole la dardeggia de' suoi raggi; in quel periodo di febbre, di ardenze, di feconditÓ, quando dal suo seno pieno di amore erompono le famiglie degli insetti e delle erbe, quando ella sorride d'un sorriso pieno d'incanti e di fiori, io ho sentito spesso con una specie di furore il desiderio di rientrare nel suo seno; io mi sono proteso per abbracciarla; ho sentito che essa mi chiamava, e ho gridato: - Tu mi vuoi, tu mi chiami, - io vengo, io vengo-
Sý, io amo la terra, questa bella terra; io son certo che essa sarÓ lieve sulla mia fossa, quando stringerÓ dolcemente il mio petto colle sue braccia di selci e di radici; ma vi Ŕ in essa un punto che io odio, ed Ŕ quell'angolo freddo ed uggioso dove son nato.
E' di lÓ che ho incominciato a gettare uno sguardo sul mondo, e a vederlo triste ed ingrato; Ŕ lÓ che non ho potuto aver mai nÚ una nobile gioia, nÚ un nobile dolore; Ŕ lÓ che conobbi gli uomini che mi hanno insegnato ad odiare gli uomini; Ŕ lÓ finalmente, che non ho potuto amare.
Avrei voluto levarne le ceneri de' miei cari, perchÚ l'ultimo anello che mi congiungeva alla mia patria fosse anche spezzato.
Fui torturato lungo tempo da un'idea insistente e malinconica: mi pareva che quelle reliquie adorate non potessero aver pace lÓ sotto, perchÚ, io stesso, io sento che le mie ossa fremerebbero se sepolte sotto quelle zolle abborrite.

(dal cap. III di Fosca, di I. U. Tarchetti)

In rapporto di amore ed odio, questa la considerazione che aveva Ugo del suo paese natale, ma intorno al 1960 San Salvatore Monferrato volle "riappropriarsi" del poeta; edific˛ un semplice monumento in Piazza Carmagnola e gli dedic˛ una via, e nel 1976, per meglio far conoscere ai concittadini la sua figura e la sua opera,  gli dedic˛ un Convegno Nazionale, ed anche i suoi resti tornarono a casa.
Iginio Ugo Tarchetti ora riposa nel cimitero del paese, nella cappella di una famiglia Tarchetti sua lontana discendente.

foto di Giorgio Ratti